Educazione Ambientale

cometibuttoOgni cittadino, rispetto alla gestione dello smaltimento dei rifiuti e dell’atteggiamento nei confronti dell’ambiente, indica il proprio grado di civiltà e di educazione. Ormai tutti sappiamo che, recuperando le materie prime e seconde, si limita la crescita delle discariche e la natura rimane pulita più a lungo. Inoltre meno sostanze nocive per l’aria e per terra vuol dire meno inquinamento. Vietato buttare allora, cioè vietato buttare nella maniera sbagliata.

La raccolta differenziata ci permette di buttare bene, di separare i rifiuti in modo da poterli riciclare ed inquinare meno l’ambiente.
Lo scopo di questo progetto è quello di far nascere nei bambini una coscienza ecologica ed ambientale, perché sapere come gestire i rifiuti vuol dire avere il massimo rispetto del’ambiente in cui viviamo.

• Del resto, i bambini sono parte in causa, perché si tratta del loro mondo. Aiutarli a riflettere sul fatto che un buon comportamento ecologico deve essere propagandato e diffuso attraverso messaggi e comportamenti è sicuramente una buona partenza per tutelare l’ambiente. Questo progetto inoltre avrà lo scopo di far notare ai bambini che rispettare l’ambiente vuol dire seguire regole:
• RISPETTARE PIANTE E ANIMALI, perché la contaminazione dei suoli è una delle cause di inquinamento più gravi;
• NON GETTARE LA CARTA O ALTRI RIFIUTI PER TERRA IN SEZIONE, perché il rispetto dell’ambiente inizia nella propria casa;
• PORTARE I RIFIUTI NEGLI APPOSITI CASSONETI, perché raccolta differenziata è un comportamento di civiltà e lungimiranza che contribuisce al recupero, al riutilizzo e al risparmio di materie prime.
• RISPARMIARE L’ACQUA, perché i bambini devono essere indirizzati ad un utilizzo consapevole dell’acqua.

OBIETTIVI:Bidone
• Educare al rispetto dell’ambiente;
• Imparare ad apprezzare l’ambiente;
• Conoscere e distinguere i materiali tra di loro : riciclabili e non riciclabili;
• Formulare ipotesi sui comportamenti da tenere per salvaguardare l’ambiente.

FINALITA’:
• Scoprire la bellezza della natura;
• Sentirsi cittadino che tutela e rispetta l’ambiente;
• Apprendere l’importanza di un comportamento corretto;
• Comprendere che la tutela e la salvaguardia dell’ambiente è un dovere di tutti.

TEMPI:
Il progetto sarà sviluppato nel periodo MARZO – MAGGIO e si concluderà nella settimana compresa tra il 18 e il 25 maggio con la partecipazione a :”Il veliero parlante”.

SPAZI:
Tutti gli ambienti scolastici, il giardino, il quartiere, il castello di Copertino per l’allestimento di una mostra finale.

MATERIALI:
Racconti, canzoni, vetro, plastica, alluminio, colla vinilica, mais, farina, tempere, gesso, carta da pacco, cartoncini, scheda grafico- operative, DVD, CD.

VERIFICHE:
• Disegni liberi e guidati;
• Formulazione di ipotesi;
• Osservazione;
• Capacità attentiva;
• Partecipazione;
• Memorizzazione e drammatizzazione;
• Espressione grafico-pittorica;
• Interazione con i compagni e con gli adulti.